Vertical Plotter – EXPO 2015

Vertical Plotter – EXPO 2015

Sulle facciate del supermercato del futuro del Future Food District – progettato da Carlo Ratti, direttore del Senseable city lab al Mit di Boston in collaborazione con Coop – i volti dei consumatori-tipo. Un mix di ricerca e tecnologia che ha portato a Expo il “vertical plotter” più grande del mondo, che trasforma le pareti del padiglione in gigantesche tele open source, dove i ritratti si sovrappongono continuamente. Il vertical plotter è un dispositivo che si muove su una parete verticale e il suo software permette la riproduzione di qualsiasi informazione e input: messaggi, immagini, grafiche. L’intero sistema si sposta su un piano cartesiano, dove il plotter si muove liberamente lungo l’asse orizzontale, mentre il gruppo di testine di stampa scorre sulla guida verticale. Nella versione progettata per Expo 2015, il plotter disegna sulla facciata i volti stilizzati dei visitatori del supermercato di nuova generazione utilizzando spray di cinque diversi colori partendo da una fotografia. Un’applicazione estrae i tratti principali del volto dei visitatori e li traduce in tratti vettoriali, che sono poi convertiti in coordinate per il plotter. I ritratti si sovrappongono continuamente, dando vita a nuovi volti sulla base degli stili di consumo dei soggetti. Sei quelli individuati dalla ricerca: italian food lovers (35,1%), wellness consumer (21,3%), easy consumer che non badano troppo a quello che mangiano (17,4%), buongustai-foodie (16,4%), vegani-vegetariani (5,3%), green&ethic (4,5%)